RESPONSABILE E' IL FUMO PASSIVO

Ogni anno, se il fumo di tabacco è responsabile in Italia di circa 90mila morti, il fumo passivo ne provoca 10mila, di cui 7mila per malattie cardiovascolari. Inoltre, sarebbe anche la causa di circa 900 casi di cancro al polmone. 
Se poi si ha un coniuge o il vicino di scrivania fumatore, si hanno anche maggiori probabilità di ammalarsi di tumore polmonare. 
Malattia ancora più probabile nel caso di un effetto combinato delle due situazioni (coniuge e vicino di scrivania insieme). 
E quanto emerge da un’indagine condotta da 12 importanti centri di ricerca europei su un totale di 650 soggetti affetti da tumore polmonare e 1.542 soggetti di controllo; nessuno dei soggetti intervistati ha fumato più di 40Q sigarette in tutta la sua vita. 
Per il fumo passivo è a rischio più di un italiano su 4 (26,5%). Sono Infatti oltre 15 milioni i fumatori passivi, le persone che non fumano ma convivono con un fumatore in famiglia. 
Fumatori passivi poi sono soprattutto i bambini: il 50% degli under 14 vive in una casa-ciminiera con gravi pericoli per la salute. 
Secondo i dati Istat in Italia sono più i fumatori passivi (oltre 15 milioni) dì chi è invece un fumatore incallito (poco più di 14 milioni).

Torna all'inizio